giovedì, gennaio 17, 2008

Dimissioni con classe

Sono a casa con la febbre e leggo leggo leggo. Leggo della signora Mastella che cucina tanto bene, che va in visita dal sindaco di Ceppalonia, suo marito, in veste di presidentessa del Consiglio della regione Campania
Lei ricambiò compiendo a Ceppaloni il primo viaggio ufficiale da presidentessa, accolta dal marito ministro e sindaco del paesello sannita con la fascia tricolore: «Signor sindaco...», «Signora presidente...».
Sembra di spiare nelle fantasie sessuali di una coppia matura: facciamo che io mi travesto da presidentessa e tu da sindaco con la fascia tricolore, e ci diamo del lei, anzi del voi.

E poi leggo la lettera di dimissioni di Franca Rame dalla carica di senatrice, pubblicata a tutta pagina su Repubblica. Leggo la lettera, perché non se ne dà notizia altrove.
Scrive a proposito del Senato

A volte mi capita di pensare che una vena di follia serpeggi in quest’ambiente ovattato e impregnato di potere, di scontri e trame di dominio. L'agenda dei leader politici è dettata dalla sete spasmodica di visibilità, conquistata gareggiando in polemiche esasperate e strumentali, risse furibonde, sia in Parlamento che in televisione e su i media. E spesso lo spettacolo a cui si assiste non “onora” gli “Onorevoli”.
In Senato, che ho soprannominato “il frigorifero dei sentimenti” non ho trovato senso d’amicizia. Si parla... sì, è vero... ma in superficie. Se non sei all’interno di un partito è assai difficile guadagnarsi la “confidenza”. A volte ho la sensazione che nessuno sappia niente di nessuno... O meglio, diciamo che io so pochissimo di tutti.

Quanto è umana nel dire questo! Chi di noi non ha sofferto per il fatto di sentirsi escluso da un gruppo, non inserito, ignorato, o non si è lamentato per certi ambienti freddi, in cui nessuno ti chiede sinceramente 'come stai?'. Quanto è ovvio eppure quanto è inedito un simile richiamo all'umanità. E quanto la dice lunga sulla distanza tra gli italiani e i politici. Ieri Tremonti da Vespa diceva che gli italiani, soprattutto i piccoli, non ne possono più di questa ingerenza arbitraria della magistratura nella politica. Ma bastava leggere i primi esultanti commenti dei lettori su Repubblica alla notizia delle dimissioni di Mastella per vedere che era vero il contrario.

In Aula, quotidianamente, in entrambi gli schieramenti (meno a sinistra per via dei numeri risicati), vedi seggi vuoti con il duplicato della tessera da Senatore inserita nell’apposita fessura, con l’intestatario non presente: così risulti sul posto, anche se non voti e non ti vengono trattenuti 258 euro e 35 centesimi per la tua assenza, dando inoltre la possibilità ai “pianisti” di votare anche per te, falsando i risultati.
Questo comportamento in un Paese civile, dove le leggi vengono applicate e rispettate, si chiama “truffa”.

Parla anche di web

La vita del Senatore non è per niente comoda e facile per chi voglia partecipare seriamente ed attivamente ai lavori d’Aula. Oltre l’Aula ci sono le commissioni. Ne ho seguite quattro: Infanzia, Uranio impoverito, Lavori pubblici e comunicazione, Vigilanza Rai.
A volte te ne capitano tre contemporaneamente e devi essere presente ad ognuna o perché è necessario il numero legale o perché si deve votare.
E’ la pazzia organizzata!
Se queste riunioni si facessero via web si ridurrebbero i tempi e si potrebbe arrivare velocemente alle conclusioni, ma l'era del computer non ha ancora toccato i vertici dello Stato!

Dopo l'abbuffata di dichiarazioni, interviste e comunicati fa effetto leggere qualcosa di diverso. La senti subito l'onestà intellettuale, il rigore, l'intelligenza. A Franca Rame tutta la mia stima e solidarietà.

5 Commenti:

Alle 21 gennaio, 2008 14:09 , Anonymous g ha detto...

E' verissimo, cara Olipal, ma il quesito di fondo è: PERCHE' GLI ITALIANI CONTINUANO A VOTARE QUESTI SOGGETTI IMPROPONIBILI??? Perchè le liste sono formate dai partiti e se non sei nessuno ma hai tanta buona volontà non riuscirai mai, comunque, ad arrivare in parlamento? Io ho una grande sfiducia, mista ad amarezza e rassegnazione...tra quanti anni si rinnoverà il parco-politici italiani? e allora verranno i figli dei Mastella, dei Berlusconi, ecc??

 
Alle 31 agosto, 2008 07:57 , Blogger Erre54 ha detto...

bello questo blo..
non faccio commenti sui politici perchèli ritengo tutti uguali destra sinistra centro,
ciao Erre54

 
Alle 18 ottobre, 2008 19:01 , Anonymous Boh/ orientalia4all ha detto...

In un'altra vita ho conosiuto Franca Rame e suo marito e con me si sono comportati davvero maluccio. Ho tradotto delle cose dall'inglese.

Però capisco che le persone possono essere diverse a seconda di dove sono... (e soprattutto con chi sono!)

ciao ciao:)

 
Alle 18 ottobre, 2008 19:01 , Blogger boh ha detto...

ps ma non scrivi più??

 
Alle 18 ottobre, 2008 21:13 , Blogger olipal ha detto...

Ciao Enrica, sono in pausa di riflessione!
Ma prima o poi ricomincio a scrivere.
Ciao, Oli

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page